Festa della Repubblica

Festa della Repubblica – la cucina italiana negli anni 50′

La festa del 2 Giugno è la Festa della Repubblica. Ogni anno ricorre questo evento che ha inizio nel 1946 con il referendum divenuto famoso per la semplice domanda: Repubblica o Monarchia?.

Non vi sto a raccontare come è andata a finire :-)

Ma è molto interessante invece analizzare come, in quegli anni, la cucina italiana si presentava in un Paese povero, appena uscito dalla guerra e con molta fame (in tutti i sensi).

Gli anni 50′ rappresentano un periodo particolare per la cucina italiana, è il periodo delle grandi migrazioni ma anche quello che segna il cambiamento delle abitudini dell’italiano medio con l’introduzione della cultura americana e degli alleati.

Ho trovato in rete un menù tipico degli anni 30 (che poco si discostava da quello degli anni successivi nelle famiglie medio borghesi), pubblicato su una storica rivista “La cucina italiana”.  Come si può notare la pasta, l’olio extravergine di oliva e le verdure non erano tipiche della famosa dieta mediterranea; infatti non si parlava ancora di pasta asciutta.

Pranzo

Cena

Domenica

Anitra alle lenticchie

Torta soave

Minestrina in brodo

Polpettine di carne varia

Lunedì

Zuppa del marinaio italiano

Vitello tonnato

Minestra di farro

Bracioline di manzo al finocchio

Marmellata di pomidoro

Martedì

Cuore di maiale in zuppa

Patate alla carne

Spaghettini al burro e parmigiano

Bracioline di vitello al pomidoro

Mercoledì

Passato di fagiuoli con cavoli

Bistecche toscane

Stracciatella in brodo di estratto di carne

Fritto di provatura

Giovedì

Maccheroni spezzati al basilico

Pollo con sangue di maiale

Peperoni in padella

Minestrina in brodo

Crostini napoletani

Fichi secchi

Venerdì

Ravioli di magro

Sogliole del maggiordomo

Zuppa di verdura

Uova in camicia con salsa di capperi, acciughe e aceto

Composta di castagne

Sabato

Brodo di ossa

Cotolette alla crema, infarinate e dorate

Uova al forno

Composta di uva moscatella

Interessante vedere come gli ingredienti principali siano quelli che noi oggi disprezziamo come le interiora di maiale (cuore, fegato) o ossa non ben specificate di quale animale.

Inoltre nello stesso periodo, negli anni successivi al referendum (’50),  si diffondono le prime televisioni e le abitudini degli italiani si evolvono, in pratica cominciano a subire il passaggio da una società di sopravvivenza ad una di consumo (ovviamente chi se lo poteva permettere). Arriva il Carosello (1957) con tutti suoi spot e i primi accenni al marketing ed alla vendita dei prodotti alimentari.

Guarda il video

N.B. 5′ minuto se si vuole vedere il primo spot della Campari e del panettone Alemagna.

Infine vi propongo alcuni manifesti comparsi negli anni 50 dedicati al cibo.

Quale di questi riconoscete?

 

La storia, gli usi e le tradizioni in cucina non sono le stesse della vita di tutti i giorni del nostro secolo.

Riassunto
Festa della Repubblica e la cucina italiana
Nome articolo
Festa della Repubblica e la cucina italiana
Descrizione
La festa della Repubblica, l'Italia ottiene la Repubblica e gli italiani? Per loro cambiano le abitudini di vita e della cucina.
Autore

Elio Lacavalla Author

Elio Lacavalla con 12 anni di esperienza nel campo della ristorazione e 5 anni di esperienza nel settore web marketing. Un corso di sommelier di olio di oliva di secondo livello e tanta passione per la cucina ed il mangiare bene :-) Sito web: Prodotti tipici pugliesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *